Tel: +39 06-4063361
Follow Us:

Soluzioni

Sei qui:

Istant Tracking Car Traffic

Gli ultimi decenni sono stati caratterizzati da un incessante incremento della domanda di trasporto( basti pensare che in Italia sono stati registrati 900.865 milioni di passeggeri km/anno, di cui il 92.20% è su strada) che, spesso, è stata affiancata ad una politica di ricerca dell'ampliamento, potenciamento e ammodernamento dell'offerta.

Tale approccio ha comportato costi sempre più elevati, tempi di realizzazione delle nuove opere sempre più lunghi e, sovente, gravi conseguenze sell'ambiente per lo sventramento di parti del territorio urbano ed il consumo progressivo di una risorsa preziosa, limitata e non rinnovabile, quale l'ambiente.

E' noto come questo semplice approccio, non solo si è rilevato molto spesso inadeguato alla soluzione del problema ma, anzi, ha contribuito, per certi versi, a generare la crisi dei sistemi urbani e metropolitani(negli Stati Uniti, tra il 1987 e il 1997, si è riscontrato un incremento del 33% delle miglia di strada utilizzata dal trasporto su gomma).

Una strada alternativa potrebbe essere quella di introdurre un insieme di sistemi di informazioni intelligenti sulla strada (Smart street systems) che permettano la conoscenza di informazioni necessaria per una massimizzazione dell'efficienza e della capacità della rete esistente.

Applicazione creata dalla movisystem che permette il riconoscimento degli oggetti in movimento .....................

Pubblicato da movisystem Italia su Venerdì 29 agosto 2014


Il sistema SICOT si bassa su un’architettura a due livelli realizzata attraverso l’impiego di componenti semplici ed economiche, soprattutto per quanto riguarda il rilevamento automatico in situ che viene realizzato attraverso l’impiego di:
  • telecamere b/n ( non è necessario infatti disporre di telecamere dalla tecnologia sofisticata in quanto la loro funzione è solo quella di rilevamento dei veicoli in prossimità dell'incrocio sotto indagine.
  • Sistema di trasmissione per il trasferimento di informazioni all’unità locale, e infine ad un’unità centrale basato su reti wifi e gsm, senza richiedere quindi un’infrastruttura di comunicazione dedicata
  • Unità di calcolo che fornisce dati elaborati a partire dai dati delle telecamere.
I vantaggi principali dell’utilizzo di una tecnica automatica sono legati alla necessità di raccogliere con continuità e accuratezza informazioni sul traffico, su lunghi periodi ed a tutte le ore. Questo sistema risulta strutturato in maniera complessa, avvalendosi di una serie di strumenti operativi, quali:
  • Una o più telecamere che ricevono le immagini di traffico, convertendole in segnale elettrico; Un’unità di memorizzazione da impiegare solo nel caso di trattamento automatico a posteriori);
  • Un convertitore analogico-digitale che trasforma il segnale elettrico uscente dalla telecamera (o dal videoregistratore) in forma digitale;
  • Un elaboratore, munito di software specializzato, che provvede alla manipolazione delle immagini digitali fornite dal convertitore ed alla conseguente valutazione delle variabili di traffico di interesse.

  • image1

    Il trattamento delle immagini prevede l’uso di un Pc che, dotato di un complesso software risolutivo, interviene sulle immagini digitalizzate (provenienti dalla telecamera) conducendo un insieme di operazioni specifiche (matematiche, morfologico-matematiche, statistiche e di altro genere) volte all’ottenimento dei parametri significativi del traffico veicolare

  • image2

    Viale Kennedy-via Spada | Viale del lavoro-via IV novembre

  • image4

    L’immagine seguente mostra il primo prototipo realizzato

  • image5

    Secondo prototipo si può vedere come la geometria dello chassis sia stata completamente rivoluzionata.

  • image9

    Software di rivelazione dei veicoli in movimento con il relativo conteggio separato per tipologia di veicolo.

  • image10

    Software di rivelazione dei veicoli in movimento con il relativo conteggio separato per tipologia di veicolo.

Potenzialità del mercato di riferimento

La ricadute più importanti dei sistemi intelligenti di temporizzazione semaforica e, più in generale, dei sistemi di infomobilità, sono senza dubbio nel campo della sicurezza stradale, sia per i veicoli che per i pedoni. Tali sistemi hanno contribuito fortemente alle esigenze imposte dal Libro Bianco della UE del 2001 che prevedeva una riduzione della mortalità stradale del 50% entro il 2010. Per quanto riguarda l’Italia, si è raggiunta una riduzione del 42,4%, in linea con la media europea UE27, pari a -42,8%, così come riportato nella sintesi dello Studio sugli incidenti stradali, Anno 2010, pubblicato da ISTAT e ACI il 9 novembre 2011. Lo stesso studio riporta i dettagli delle casistiche di incidentalità per l’anno 2010 e per gli scopi di questo progetto alcuni dati sono di sicuro interesse.Sebbene gli incidenti più gravi accadano sulle strade extraurbane, sono i dati relativi alle strade urbane a colpire di più poiché ci sono stati 160.049 incidenti su un totale di 211.404 (pari al 76%); le conseguenze di tali incidenti hanno comportato 1.759 morti su un totale di 4.090 (pari al 43%) ed un numero di 218.383 feriti su di un totale di 302.735 (72%). Sempre circoscrivendo le statistiche alle strade urbane, considerando la natura dell’incidente le quote maggiori sono dovute agli scontri frontale-laterale (34,7% sul totale) e ai tamponamenti (18,2%), mentre per quanto riguarda le cause di incidente la percentuale più alta è dovuta al mancato rispetto delle regole della precedenza o semaforiche con il 20,6%.Restringendo le statistiche al territorio laziale, nel 2010 si sono avuti 27.810 incidenti (13% del totale nazionale), 450 morti (26% del totale nazionale) e 38.932 feriti (18% del totale nazionale). Questi numeri molto alti sono dovuti principalmente alla presenza del comune di Roma che incide significativamente sul totale con 18.496 incidenti che hanno causato 182 morti e 24.467 feriti, numeri ai quali si possono aggiungere quelli sulle statistiche dei pedoni con 43 morti e 2.252 feriti.

A fronte di un miglioramento della viabilità urbana, il sistema si propone di raggiungere una serie di obiettivi; tra i principali possiamo annoverare:
  • diminuzione degli incidenti e, quindi, un consistente risparmio dei costi della sanità pubblica e dei costi assicurativi;
  • diminuzione dei tempi di percorrenza con ricadute positive sull'economia regionale e nazionale in termini di un calo delle ore lavorative/anno perse;
  • diminuzione del carico di agenti nocivi rilasciati dai veicoli nell'atmosfera con conseguente innalzamento della qualità dell'aria;
ciò in consenguenza della maggior fluidificazione veicolare e di un maggior utilizzo del mezzo pubblico non più soggetto a lunghe code nel traffico.

Google+
Latest Tweet
Contatti
  • Indirizzo: Via Vittorio Metz 43
    Roma, 00173
  • Telefono: (39) 06-4063361
    Fax: (39) 06-40815642
  • Email: solution@movisystem.com
  • Lunedi - Venerdi: 9:00 - 18:100
    Sabato - Domenica: Chiuso
Modulo di contatto email

© 2016. movisystem s.r.l . Tutti i diritti riservati. Legal information